Il designer di carte Jass

Il designer Jens Riedweg, 39 anni, di Baar g, il Jasskarten è ora disponibile in una presentazione più delicata.

“Confesso fin dall’inizio: sono davvero pessimo al disotto, perché ancora non so quanto le singole carte contano. E con il cursore, sono sempre felice di un buon partner al mio fianco. Semmai, gioco a “Tschau Sepp” con la mia ragazza di tanto in tanto. Tuttavia, il ridisegno delle carte Jass è una questione di cuore per me, una questione privata senza cliente o merito. Sono rimasto turbato dalla tipografia delle mappe, dai vari font e dalle illustrazioni scansionate. Sapete, i disegni delle figure hanno circa settant’anni e una volta erano fatti a mano, così come l’iscrizione molto più antica “Under”, “Upper” e “King” nel set tedesco – tutto fatto a mano.

Le carte da gioco tedesche con i simboli campane, srl, ghiande e rose sono in giro da più di mezzo millennio. Per i Jass, tuttavia, sono stati utilizzati solo per più di duecento anni. Ho avuto un sacco di rispetto per quello che c’era già nel mio lavoro. Non mi sarebbe mai venuto in mente di alienare i soggetti in modo tale che non siano riconoscibili. Tuttavia, ho costruito ogni mappa sul computer da zero, ho disegnato i contorni più nitidi, tratteggi regolati. E costellazioni visivamente difficili mi hanno permesso di risolvere il tempo. Nella versione francese, i numeri non sono più posizionati nei simboli, ma negli angoli delle carte. Le croci divennero rotonde in basso, i cuori un po ‘più stretti. Questo rende il nuovo design più delicato.

Avete curato che ci sono solo uomini nelle carte tedesche; nessuna regine come quelle francesi? Naturalmente, ho lasciato questo a questo. La maggior parte dei personaggi fuma o guarda fuori nel mondo – visivamente più eccitante per me è lo Schiltenunder. Ha una penna dietro l’orecchio e una lettera in mano, sembra molto dinamico. Con lui ho la busta bianca nuova, invece del giallo precedente, e che è più coerente. In caso contrario, non mi sono permesso di apportare modifiche importanti. Non per immortalarmi da nessuna parte – ci ho pensato per un momento, ma ho potuto resistere …

Jens Riedweg

Le mie carte sono stampate in Stans, quindi sono completamente “made in Switzerland”. Questo è importante per me, perché la maggior parte dei set provengono dall’estero, dal Belgio. La carta che usiamo ha un nucleo nero in modo che nulla lombra attraverso. E una vernice speciale assicura che le carte non si sporchino così rapidamente.

Presto lanceremo un’edizione speciale con un rilievo in lamina d’oro in rilievo – un souvenir un po ‘insolito su invito, giusto? E i francobolli Jass da me sono disponibili dall’autunno 2018.

Con una prima bozza delle carte, abbiamo organizzato un torneo con Jassers esperti per scoprire se accettano le innovazioni. Oggi posso dire: Nessun feedback in questa scena è un buon feedback. Solo uno svizzero orientale si è lamentato che tutto questo era un po ‘troppo moderno. In caso contrario, ci sono circa 30.000 set in circolazione oggi. Al momento sto rielaborando le carte del gioco italiano Scopa; più avanti ci sono quelli di Skat e Rommé, quelli di “Sheephead Tarock” sono quasi in stampa. Sì, sono diventato uno specialista di carte da gioco, per così dire. Il mio sogno più grande? Che nel “Donnschtig-Jass” della televisione svizzera a volte vengono giocate le mie carte.

Testo: Christine ‘wygart di Landliebe

Start typing and press Enter to search

Shopping Cart

Nessun prodotto nel carrello.